Archivi categoria: SPEEDIATION

SPEEDIATION : LA MEDIAZIONE MORDI E FUGGI

Mi è capitato di leggere un articolo sulla c.d. SPEEDIATION…vi state chiedendo cosa sia?

images-30A me è subito venuta in mente la scenetta dello “speed date”  che facevano qualche edizione fa di Zeling! Lo speed date è l’happening all’ultima moda, è un appuntamento veloce in cui si hanno 200 secondi per conoscere una persona e valutare se interessa o meno!

Mentre noi ci perdiamo ancora in noiose discussioni sull’obbligatorietà, i nostri colleghi d’oltre oceano si misurano con le nuove sfide che la mediazione offre: i grandi carichi di lavoro a fronte di risorse limitate.

La risorsa più importante è il tempo!

Così sta prendendo piede la speediation: la mediazione mordi e fuggi, attraverso la sperimentazione di nuove tecniche  e diverse strategie di negoziazione.

Le controversie sono disponibili in una sbalorditiva varietà di formati, colori e pacchetti. Alcune parti possono risolvere le loro divergenze in quindici minuti semplicemente perché hanno solo bisogno di ripristinare una corretta comunicazione tra di loro. Altri conflitti, al contrario sono così profondi, radicati e complessi che lavorarci per risolversi potrebbe prendere un centinaio di ore.

La sfida più importante per il mediatore è quella di stabilire il più rapidamente possibile ciò che le parti sperano di raggiungere, concentrandosi sulla qualità e utilizzando il tempo in modo efficace.

Ci sono dei rischi in cui il mediatore può incorrere conseguenti alla mancanza di tempo: la gestione delle emozioni delle parti, l’impazienza  che potrebbe far perdere l’imparzialità, l’incoraggiare troppo l’accordo.

La speediation sta riscuotendo un discreto successo e se avete dimestichezza con l’inglese vi suggerisco la lettura di questo articolo che ho trovato davvero entusiasmante!

Mi sembra di fondo interessante la riflessione su come le persone percepiscono e gestiscono il tempo.

Le culture Occidentali e Nord Europee hanno un approccio c.d. monocronico tendono cioè a concentrare l’attenzione su una sola attività per volta, attribuendo grande importanza allo sviluppo di piani e alla loro esecuzione. Il  tempo è una risorsa e quindi può essere risparmiato, preventivato, speso, consuntivato.

L’approccio c.d. polocronico, tipico delle culture mediorientali e latine, implica che la puntualità è meno importante, e la flessibilità, i cambi di programma, le distrazioni dall’obiettivo sono all’ordine del giorno.

La speediation mette certamente in discussione la nostra percezione culturale e la nostra gestione del tempo!