Archivi categoria: Simulazione

Simulazione di conciliazione 9/9

Siamo arrivati alla fine!

Certamente avrete già intuito i termini dell’accordo di conciliazione, ma vi suggerisco di vedere comunque come si conclude l’incontro.

Fatemi sapere se questa esperienza vi è piaciuta!
A me questo video è piaciuto molto e si vede proprio come funziona una conciliazione.

Aspetto le vostre opinioni!

Simulazione di conciliazione 8/9

È l’ultimo incontro separato che il conciliatore tiene: incontra la parte che è stata chiamata in causa.

Vi invito a soffermarvi sulle parole che il conciliatore rivolge alla parte.

Esordisce: “come si sente?”
E ancora: “facciamo un esercizio, pensi a come si è sentito l’altro… Provi a vagliare i vari scenari che ci sono…come l’altro potrebbe venirle incontro? Quali condizioni?”

Il conciliatore guida la parte verso la soluzione… E non ditemi che non è evidente quale sia! Pensateci e poi guardate l’incontro conclusivo!

Simulazione di conciliazione 7/9

La situazione pare ormai ben chiara e delineata: é giunto il momento di formalizzare una proposta.

La proposta viene fatta sempre in sessioni separate.

Notate in questa parte come il conciliatore aiuta a prendere in considerazione le prospettive future.

In conciliazione, è importante raggiungere un accordo tanto quanto preservare e coltivare i rapporti per il futuro, cosa che in un giudizio ordinario non viene presa in considerazione. Questo è uno dei tanti vantaggi della conciliazione: tiene sempre la porta aperta alle relazioni tra le parti.

Al termine della sessione il conciliatore riepiloga i punti della proposta e ne chiede conferma alla parte.

Buona visione!

Simulazione di conciliazione 6/9

Questa parte è molto breve.

Il conciliatore parla solo con l’avvocato di una delle due parti per chiarire un aspetto tecnico.
Emerge la difficoltà di sostenere in un giudizio alcuni punti giuridici.

Riflettiamo anche su questa cosa: la possibilità di vincere o perdere un’eventuale causa è, in alcuni casi, determinante per la valutazione circa la convenienza di accettare o meno la proposta conciliativa.

Simulazione di conciliazione 5/9

Non perdetevi questa parte!

Si tratta della sessione privata con l’altra parte.

Il conciliatore ne ribadisce la riservatezza e chiede alla parte i suoi reali interessi e approfondisce le relazioni tra le parti.

Emerge che tutti vogliono chiudere il conflitto e tornare alla ordinarietà. Questo secondo me, è un aspetto psicologico molto importante: il conflitto destabilizza e si vuole tornare alle normali attività il più in fretta possibile. Per questo la prospettiva di un processo ordinario lungo e dall’esito incerto può essere un ottimo stimolo per far funzionare la conciliazione!

La conciliazione è test di realismo, ovvero vengono vagliate le ipotesi di soluzione realmente peercorribili.
Il conciliatore invita a mettersi nei panni dell’altro e chiede quale soluzione potrebbe proporre l’altra parte.

Notate anche come non tutte le richieste riguardano aspetti economici, sebbene rilevanti, infatti, per la parte sono fondamentali le scuse dell’altra parte! Non si concilia senza le scuse!

Simulazione di conciliazione 4/9

Vi suggerisco di non perdervi questa parte del video messo a disposizione dalla Camera Arbitrale di Milano e che stiamo analizzando per cogliere qualche spunto sul lavoro e le tecniche utilizzate dal conciliatore.

Si tratta della caucus o sessione privata con la parte.

Ascoltare la parte singolarmente consente al conciliatore di:
1. approfondire i reali interessi delle parti;
2. approfondire i rapporti tra le parti, anche prima della conciliazione.

Notate cove viene ribadita la riservatezza della sessione privata.

La sessione si conclude con la domanda del conciliatore: ha formulato delle ipotesi per uscire da questa situazione?

Buona visione…

Simulazione di conciliazione 3/9

Eccoci a fare un altro passo avanti nell’analisi di una conciliazione!

Riepiloghiamo: fin qui abbiamo sentito il conciliatore presentare se stesso, il suo ruolo e la conciliazione. Abbiamo sentito la versione dei fatti dalla voce diretta della parte che ha chiesto la conciliazione.

Ora è giunto il momento di sentire l’altra parte.

Anche questa volta il concilciliatore chiede direttamente alla parte di esprimere e raccontare la propria prospettiva sin dall’inizio.

I legali intervengono evidenziando le posizioni e le alternative di tutela giuridica.

Vedrete come il conciliatore non entra in tecnicismi, ma rivolge alle parti delle domande per chiarire la situazione e, sempre con la tecnica della parafrasi di cui ho parlato nel precedente post, fa il punto della situazione.

Infine, chiede alle parti di sentirle separatamente…