COSA BOLLE IN PENTOLA…


Le notizie che riguardano la mediazione sono ormai all’ordine del giorno…tanto che in certi momenti è utile fermarsi un attimo e chiedersi: a che punto siamo arrivati?

Un buon “riassunto delle puntate precedenti” l’ho trovato in un articolo pubblicato sul sito www.ipsoa.it che vi riporto.

“L’ansia dell’attesa della sentenza della Corte Costituzionale è ormai alle stelle. Preventivare i tempi è orami compito difficile in quanto continuano ad essere sollevate questioni di legittimità costituzionale. Per ulteriori approfondimenti é possibile consultare l’Osservatorio Mediazione di Wolters Kluwer Italia (www.osservatoriomediazione.it)

Giudici di merito fermatevi. Proprio così, se i giudici di merito continuano a sollevare, seppur lecitamente e secondo la legge, questioni di legittimità costituzionale, i tempi per la pronuncia della Corte costituzionale si allungheranno ulteriormente, rendendo ancor più difficile il cammino della mediazione. Attualmente le questioni di legittimità costituzionale sollevate dai giudici di merito che sono pervenute in Corte, che sono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale e, quindi, in attesa della fissazione dell’udienza, sono:

1. TAR Lazio, Roma, ord. 12 aprile 2011;

2. G.d.P. Parma, ord. 1 agosto 2011, n. 271;

3. G.d.P. Catanzaro, ord. 9 settembre 2011;

4. G.d.P. Catanzaro, ord. 26 ottobre 2011;

5. G.d.P. Recco, ord. 5 dic. 2011.

Sebbene pervenuta alla cancelleria della Corte, poi, è ancora in attesa di essere pubblicata l’ordinanza n. 51 del 2012 del G.d.P. Salerno, mentre non risulta ancora pervenuta in cancelleria l’ordinanza del Tribunale di Genova del 18 novembre 2011.

Ciò lascia presumere, quindi, che i tempi della decisione si allungheranno ulteriormente.

Secondo le norme che regolano il giudizio dinanzi alla Corte Costituzionale, infatti, decorsi venti giorni dalla pubblicazione in G.U. delle ordinanze che sollevano questioni di legittimità costituzionale in via incidentale, termine che consente alle parti di prendere visione degli atti e di presentare deduzioni, la Corte fissa l’udienza nei successivi venti giorni e si pronuncia nei successivi, ulteriori, venti giorni.

In questo caso, quindi, i rumors di inizio 2012 lasciavano pensare che essendo avvenuta la pubblicazione dell’ordinanza del Tar del Lazio il 28 dicembre 2011 e scadendo il termine per le deduzioni delle parti il 17 gennaio 2012, la Corte fissasse l’udienza nei primi giorni di febbraio e, sempre, nello stesso mese, depositasse la pronuncia.

Al contrario, l’udienza ad oggi non è stata ancora calendarizzata, ma si è provveduto, appunto, a pubblicare anche le altre ordinanze via via pervenute e si è in attesa dell’ordinanza del Tribunale di Genova che, peraltro, è l’unica che solleva questioni di l.c. in tema di rapporti tra mediazione e diritti reali.

Ciò lascia desumere che le questioni sollevate dai vari giudici verranno riunite dalla Corte.

Nel frattempo, come noto, è entrata in vigore anche l’obbligatorietà del tentativo di mediazione nel settore del condominio e dei sinistri stradali e il Ministro della Giustizia Severino ha annunciato una stretta sulla qualifica professionale dei mediatori, nonché un inasprimento dei controlli sugli ormai 800 organismi di mediazione accreditati ed iscritti presso il Registro degli organismi di mediazione tenuto presso il Ministero.”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...