IN ARRIVO DECRETO CORRETTIVO…


Sono giorni che si inseguono notizie circa l’imminente pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto correttivo alla vigente normativa in materia di mediazione civile.
Lo annunciava giorni fa il capo dell’ufficio legislativo del ministero della Giustizia, ma per ora non si vede ancora nulla.
Pare che questo decreto correttivo non conterrà l’obbligo di assistenza obbligatoria come auspicato dalla categoria forense, ma che conterrà indicazioni a garanzia di una maggiore professionalità dei mediatori.
Oltre all’obbligo di aggiornamento, sembra sarà previsto un tirocinio che implica la partecipazione dei neo-mediatori a 20 mediazioni prima di diventare operativi.
Attendo come tanti di voi di capire cosa effettivamente sarà previsto in questo decreto, non nascondendovi la mia personale preoccupazione.
Rifletto su queste cose:
– chi insegna cosa a chi se la mediazione è appena partita? Chi è il mediatore esperto e chi il neo mediatore?
– come faranno i neo mediatori ad accumulare 20 partecipazioni a mediazioni in tempi ragionevoli senza riempire i tavoli di mediazione?
– le parti dovranno autorizzare la presenza di un uditore?
Sono sempre convinta dell’idea che la professionalità del mediatore farà con il tempo la differenza nel determinare il successo non solo della mediazione stessa ma anche dell’organismo cui quel mediatore fa parte.
A mio parere la professionalità è una cosa che sta al mediatore costruirsi con l’esperienza e con lo studio personale e che sta al singolo organismo verificare periodicamente per confermare la presenza del mediatore nelle sue liste.
Voi cosa ne pensate?
Credo che una formazione efficace debba essere personalizzata. Magari alcuni mediatori avranno bisogno più di approfondimenti relativi alle materie che alla comunicazione per cui 20 tirocini sarebbero inutili; altri mediatori potrebbero avere maggiore emotività e avere bisogno di assistere a tante mediazioni prima di sentirsi pronti.
A mio parere la valutazione della professionalità del mediatore che si vuole garantire deve essere costruita dal binobio mediatore-organismo…questo sempre nel mondo ideale della medazione!

6 risposte a “IN ARRIVO DECRETO CORRETTIVO…

  1. Mi pare si stia pensando soprattutto a bloccare lo srumento, per mere beghe di bottega.
    Grazie per il tuo lavoro!
    Andrea

    • Certamente tutto ostacola la mediazione, ma queste previsioni mi sembra colpiscano pesantemente le migliaia di persone che nei mesi passati hanno investito speranze e denaro in questa attività. Pensiamo a chi ha fatto il corso spendendo dai 1.000 ai 3.000 e non è ancora iscritto in organismi perchè le liste sono piene o per qualunque altra ragione…hanno sei mesi per fare il tirocinio e confermare l’abilitazione. E chi glielo fa fare il tirocinio???? Non lavoreranno mai come mediatori!!!

  2. Ottimi spunti di riflessione.
    Abbiamo riproposto le tue domande su “I love Mediazione Civile”:
    http://www.facebook.com/pages/I-love-Mediazione-Civile/191372210884257
    Un cordiale saluto

    Gianni

  3. In linea di principio sono d’accordo che ci debba essere un controllo sulla professionalità e sulla competenza, ma dalla mia esperienza sarà un questione risolta in base al l’egemonia tra lobby e tra questioni di mercato, come è stata gestita e affrontata , fino ad esso . La questione della giustizia e di un sistema alternativo per la risoluzione dei conflitti e del nostro ritardo non nazionale, culturale non è tra le priorità di coloro che se ne stanno occupando . Giurista, docente, mediatrice in Irtalia e all’estero da 20 anni, ho collaborato con mio padre nel suo studio notarile ,dal 2001 inscritta alla CCIa di Venezia ( mai chiamata) come conciliatrice, ho attestati di decne di corsi in tutte le città di Italia sull’Adr, ho frequentato il corso a Firenze per le giorni per 10 ore al giorno e alla verifica dei tests mi è stato detto che varei dovuto ripeterlo , dato che non ero neanche avvocato ed avev sbagliato troppe domande , la cui formulazione ho discusso perchè ambigua e poco chiara ( e non solo per me!). Purtroppo il mestiere del formatore e del docente sia universitario ,che di altri corsi, dovrebbe rispettare uno standard che non riguarda solo la competenza ma anche l’idoneità che il ruolo richiede. pensiamo solo al Trattato di Lisbona che spende ben 5 articoli sulla tutela della dignità1 Ripeterò la prova ma la discussione su questi nodi dovrebbe essere affrontata. A disposizione per partecipartvi. Intanto ci sto lavorando per un report su tipo di formazione. Teresa Lapis

  4. mi riferisco a questa frase postata in un commento:
    Pensiamo a chi ha fatto il corso spendendo dai 1.000 ai 3.000 e non è ancora iscritto in organismi perchè le liste sono piene o per qualunque altra ragione…hanno sei mesi per fare il tirocinio e confermare l’abilitazione. E chi glielo fa fare il tirocinio????

    per dire che il problema del tirocinio esiste anche per le migliaia di persone già iscritte nelle liste degli organismi, che devono partecipare a 20 mediazioni per poter essere operative.
    Non credo sia molto facile per ognuno di loro partecipare a 20 mediazioni assistite per alcuni motivi:
    – chi le organizza?
    – il numero di mediatori già operanti è notevolmente basso rispetto al numero dei mediatori che dovrebbero partecipare al tirocinio
    – le parti che intervengono nelle mediazioni accetteranno che altre persone oltre al mediatore possano partecipare alla mediazione che stanno svolgendo?

  5. condivido le tue riflessioni e perplessità. E’ fondamentale che in questa fase di start-up della mediazione civile, i mediatori possano esercitare l’attività, affiancati dall’organismo “a bisogno” e su richiesta del mediatore stesso. Non vedo altra via per permettere ai mediatori di poter incrementare la professionalità. Di certo l’affiancamento potrebbe essere una soluzione alla crescita professionale, ma lo vedo troppo complicato da attuare, se non altro perché potrebbe anche essere d’impedimento all’apertura confidenziale delle parti in lite.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...