MEDIATORI NON SI NASCE MA SI DIVENTA: ancora 3 suggerimenti!


Si stima che 600mila cause finiranno davanti ai mediatori: un bel numero!
Non sono tanto i numeri che mi interessano, ma come queste cause verranno gestite.

Come si concluderanno queste controversie?
La sfida della mediazione è quella di raggiungere un accordo rimanendo in buoni rapporti: la reciproca soddisfazione è l’elemento che distingue la mediazione dal compromesso.

Con la mediazione le parti ottengono qualcosa, con il compromesso cedono qualcosa.

In mediazione le parti non fanno un braccio di ferro, ma diventano soci in affari.

Come il mediatore può aiutare le parti a passare da una posizione di antagonismo a una di cooperazione?

Ho già approfondito in diverse occasione l’importanza per il mediatore di saper comunicare e relazionarsi in modo efficace con le parti cercando di sviluppare le capacità di ascolto e di empatia, ma ancora ci voglio tornare con questi tre suggerimenti.
1. prendi tempo per pensare: non avere fretta di arrivare a una soluzione. Ascolta le parti, cerca di comprendere i loro tempi per raggiungere un accordo e rifletti sulle strade percorribili

2. capisci prima di argomentare: fai domande, approfondisci, documentati, accetta la critica

3. valorizza le parti con l’ascolto: non imporre mai il tuo intervento, ascolta quello che hanno da dirti, impara a gestire il dissenso tra le stesse.

Certo detto così sembra semplice, ma in realtà non lo è! E ogni caso, così come ogni parte in mediazione, lo dovrete gestire in modo diverso: nessun caso sarà uguale a uno precedente che vi è già capitato, nessuna persona che vi troverete di fronte vedrà le cose nello stesso modo, nessuna soluzione sarà identica a un’altra!

Sono convinta che mediatori non si nasce ma si diventa!

E allora forza: cerchiamo occasioni nel nostro quotidiano per mettere in pratica quelle tecniche di comunicazione e di gestione dei conflitti che ci sono state insegnate durante il corso!

2 risposte a “MEDIATORI NON SI NASCE MA SI DIVENTA: ancora 3 suggerimenti!

  1. Hai ragione: sono d’accordo con quello che proponi. Quello del mediatore inoltre deve essere un “atteggiamento” mentale secondo me predisposto non alla litigiosità, quanto piuttosto al pax-appeal. Il termine, che uso da un po’ di tempo (e che come puoi notare riecheggia il sex-appeal), indica un nuovo modo di intendere i rapporti interpersonali ed economici, basato non sulla conflittualità dei rapporti , bensì sulla armoniosa composizione degli stessi. Dobbiamo essere consapevoli che lo scontro di posizioni da cui origina il conflitto è meno conveniente per i portatori di interessi sulla questione della ragionata e pacifica composizione CREATIVA delle avverse posizioni.

    Mi piacerebbe discuterne con te sul Gruppo di LinkedIn “Conciliazione e Creatività: Professionisti negoziatori di parte” (http://www.linkedin.com/groups?mostPopular=&gid=3529892).
    Il gruppo è aperto al contributo di chiunque e invito te e i lettori del tuo blog ad aderire con i Vs preziosi commenti.

    Gian Marco Boccanera, dottore commercialista in Roma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...