PROGETTO PER LE SCUOLE: ATTRAVERSARE I CONFLITTI


“La pace non può essere mantenuta

con la forza, può essere solo

raggiunta con la comprensione”

Albert Einstein

 

ATTRAVERSARE I CONFLITTI

– La mediazione tra pari-

PROGETTO PER UNA CULTURA DELLA LEGALITA’

 

 

DESTINATARI

Studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado.

Adulti, genitori e insegnanti.

PRESENTAZIONE                          

Il conflitto è inevitabile.

E’ un elemento costitutivo dell’interazione umana.

Ogni giorno tutti noi, adulti, ragazzi, bambini, a scuola, al lavoro, tra le mura di casa, ci imbattiamo in differenza di opinioni, desideri diversi ed interessi contrastanti.

Ne usciamo come possiamo… a volta vincenti, altre perdenti… alcune volte giriamo le spalle e prendiamo un’altra strada oppure fingiamo che non ci sia nessun problema.

Venir fuori da un conflitto non è cosa facile. Non lo è per noi adulti e tanto meno lo è per i nostri figli, i nostri studenti.

La migliore via d’uscita di un conflitto è “attraverso”.

Questo è un percorso che insegna ai bambini, ai ragazzi, ai genitori, agli insegnanti ad attraversare i conflitti e affrontarli positivamente trasformandoli in opportunità per conoscere di più se stessi e gli altri attraverso l’utilizzo delle tecniche di mediazione.

La giustizia ha sempre avuto due volti: uno formale e impositivo, uno consensuale ed equitativo.

Per consuetudine, siamo stati abituati a gestire le nostre controversie seguendo le “vie legali”, risolvendo il conflitto con l’affannosa ricerca della nostra ragione e del torto altrui nelle sedi dei tribunali. Tale cultura ci ha sempre spinto a considerare la soluzione del conflitto come ottenimento della vittoria sulla controparte, allontanandoci definitivamente da quest’ultima, per poi ottenere un giudicato non sempre soddisfacente i nostri interessi.

In un momento di forte crisi della giustizia tradizionale, è necessario più che mai promuovere una cultura che si basi sull’altro volto della giustizia.

Risolvere le controversie negoziando con la controparte alla presenza di un terzo è una grande opportunità per giungere ad una soluzione più soddisfacente , salvaguardando la relazione tra le parti con l’auspicio di un miglioramento per il futuro.

Insegnare ai bambini e ai ragazzi a risolvere i propri conflitti attraverso il metodo conciliativo li aiuterà a vivere in maniera più felice e pacifica.

Promuovere una cultura della mediazione e della convivenza nella scuola significa prevenire la violenza scolastica, affrontare i litigi e le dispute verbali, le derisioni e le umiliazioni tra compagni, i problemi di violenza e di bullismo, le difficoltà di relazione tra insegnanti e ragazzi, le difficoltà di rapporto tra insegnanti e genitori, attraverso l’apprendimento di strategie e abilità necessarie a mediare e risolvere i conflitti.

Gli insegnati spesso sono posti di fronte alla necessità di risolvere i conflitti tra studenti e non è così semplice assumere una posizione.

Apprendendo le tecniche della mediazione i ragazzi possono risolvere le dispute senza arrivare alla violenza e senza il coinvolgimento diretto degli adulti.

Inoltre, l’abilità e il successo nella soluzione dei problemi, oltre a diminuire lo stato di disagio accresce la competenza, autoefficacia e autocontrollo emozionale, migliorando l’autostima.

 

OBIETTIVI

  • Sostenere la crescita dell’individuo, fornendo un’alternativa all’autorevolezza insegnando la trasmissione, lo scambio e la condivisione di informazione, valori ed esperienze tra persone della stessa età.
  • Favorire la comunicazione efficace per relazionarsi in modo più positivo con se stessi e gli altri riconoscendo le emozioni, comunicando gli stati d’animo
  • Sviluppare le capacità di gestire e di risolvere i conflitti attraverso il problem solving, una tecnica utile per sapere come reagire ai problemi e affrontarli tenendo conto di tutte le alternative possibili consentendo di giungere ad una soluzione attraverso la mediazione.
  • Potenziare le abilità e le capacità necessarie per affrontare la vita che non sempre sono percepite come materia d’insegnamento quali l’autoefficacia, l’efficacia collettiva, il senso di responsabilità, l’autonomia, la comunicazione efficace, la gestione dei contrasti, delle frustrazioni, dello stress

 

METODOLOGIA

Il metodo utilizzato è prevalentemente esperenziale. Verranno utilizzate le tecniche di brain strorming, i role play, le drammatizzazioni e i giochi interattivi proprio per favorire la comunicazione e cooperazione all’interno del gruppo.

Gli strumenti verrano adattati all’età dei destinatari.

 

TEMPI E MODI DI REALIZZAZIONE

 

Il progetto si articola in cinque Step

 

PRIMA FASE: creare un ambiente cooperativo

SECONDA FASE: insegnare agli studenti la natura del conflitto

TERZA FASE: insegnare le procedure negoziali di problem solving per raggiungere un accordo

QUARTA FASE: insegnare come mediare i conflitti tra compagni di scuola

QUINTA FASE: creare e  implementare un programma scolastico di mediazione

I

Il tempo da dedicare al progetto può variare da un minimo di 15 ore a un massimo di 30 ore a seconda degli interlocutori, da distribuirsi sui cinque moduli.

Lo spazio per la realizzazione dovrà essere un’aula dove sia possibile utilizzare il proiettore, servirsi di una lavagna con fogli, spostare le sedie.

 

COSTI

Rimborso spese esperti e materiali per complessive € 30 + iva  all’ora.

AMPLIAMENTO DEL PROGETTO

Si potranno realizzare delle sessioni integrative per lo sviluppo delle tecniche di comunicazione efficace e delle tecniche di problem solving.

Si seguirà la realizzazione di un programma di mediazione scolastica con l’istituzione di un team di mediatori e un coordinatore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...